ULTIME PUBBLICAZIONI
banner
logo
banner

Natale nella Bassa Reggiana- (Re)

NATALE nella BASSA REGGIANA - Dicembre 2020

 

TEATRO ASIOLI DI CORREGGIO

LA CONTA DI NATALE 2020

 

12 eventi on-line di musica, danza e prosa dal 1° dicembre al 24 gennaio, proposti per mantenere viva la relazione tra pubblico, teatri, artisti e territori, anche attraverso webinar e backstage degli spettacoli. Gli eventi sono trasmessi online sulla pagina Facebook del Teatro Asioli di Correggio

 

Uno speciale Calendario dell’Avvento: La conta di Natale 2020, dedicato spettatori dai 3 agli 8 anni di età, è una serie di 24 video-storie, di 5 minuti l’una, appositamente realizzate da Claudio Milani insieme a Elisabetta Viganò della compagnia di teatro per ragazzi Momom.

Ogni giorno Claudio aprirà una finestrella e – insieme a pupazzi, disegni e marchingegni quasi magici – porterà sullo schermo una storia, un gioco o un’avventura che grandi e piccoli potranno vivere insieme da casa, ventiquattro brevi storie piene di emozioni e divertimento, affinché ci si possa sentire vicini, vivere e far vivere ai bambini la gioia del Natale in arrivo, nonostante tutto.

Tutte le puntate di La conta di Natale 2020 restano a disposizione di piccoli e grandi spettatori sulla pagina sopra indicata anche successivamente alla prima pubblicazione.

Claudio Milani è narratore e artista per l’infanzia tra i più apprezzati nel panorama del teatro ragazzi nazionale.

Attraverso incontri on line con le insegnanti delle scuole dell’infanzia di Casalecchio di Reno, si è interrogato sulle forme di comunicazione digitale con i più piccoli.

Da questo lavoro di ricerca e da uno storico spettacolo di Claudio (La conta di Natale, ospitato con straordinario successo all’Asioli qualche anno fa) nasce l’idea di costruire un Calendario dell’avvento on line.

L’iniziativa fa parte del progetto Teatri nella rete promossa da Ater Fondazione, 12 eventi on-line di musica, danza e prosa dal 1° dicembre al 24 gennaio, proposti per mantenere viva la relazione tra pubblico, teatri, artisti e territori, anche attraverso webinar e backstage degli spettacoli.

 

I Cappelletti in brodo, la tradizione

INGREDIENTI per 600 cappelleti:

per la sfoglia:

3 uova

500 gr  farina (¾ farina di grano tenero ¼ farina di grano duro)

 

per il ripieno:

1 petto di cappone (potete optare per il tacchino)

3 salsicce di prosciutto

500 grammi di ricotta

3 cucchiai di parmigiano reggiano grattato

1 uovo intero

odori (1 costa di sedano, 1 carota, 1 cipollotto)

1 noce di burro

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

1 dito di vino bianco secco

noce moscata

sale e pepe q.b.

 

 

PREPARAZIONE:

Iniziamo dal ripieno. Tritare gli odori. Tagliare la carne e le salsicce a pezzetti. In una padella dai bordi alti mettere a sciogliere il burro con l’olio. Versare gli odori e lasciarli dorare appena.

Unire la carne e le salsicce e lasciare cuoce a fuoco vivace per 2 minuti. Unire il vino e lasciare svaporare. Terminare la cottura a fiamma moderata. Tritare il tutto e versare in una insalatiera.

Unire la ricotta, l’uovo, il parmigiano, la noce moscata, il sale e il pepe.

Mescolare molto bene gli ingredienti sino ad ottenere un ripieno omogeneo.

Procedere alla preparazione dei cappelletti. Ridurre la sfoglia in tanti cerchi. Per fare questo potete usare dei bicchierini oppure anche delle formine tonde da biscotti.

Per vostra info, secondo le indicazioni di Artusi il cappelletto perfetto ha un diametro di 67 mm…

Riempite con l’aiuto di un cucchiaino o di una tasca da cucina i cerchi considerando che dovrete piegarli a metà far aderire ai bordi e unire le punte per ottenere appunto la forma di un cappello. Anche se volete servire i cappelletti con un sugo, preferibile di pomodoro con solo cipolla per far assaporare meglio il sapore del ripieno della pasta, ricordatevi che un buon cappelletto deve essere cotto in un brodo di carne.

 

COVID19 - Iniziative della Protezione Civile per i comuni della Bassa Reggiana

CORREGGIO

Buoni alimentari – mese di dicembre 2020

Pubblicata la nuova domanda, relativa al mese di dicembre 2020, da compilare per accedere ai buoni spesa che il Governo ha messo a disposizione dei Comuni per beni di prima necessità a famiglie e cittadini colpiti dalle conseguenze economiche legate all’emergenza coronavirus.

Attenzione: la domanda deve essere compilata in tutte le sue parti per non essere esclusi e ricordiamo che dichiarazioni mendaci o anche parzialmente false – che, come già avvenuto per quelle dello scorso aprile e maggio, andranno al vaglio delle autorità competenti – comportano la restituzione di quanto ricevuto e possibili ulteriori sanzioni.

Al termine dell’istruttoria sulle domande, tutti coloro che avranno inoltrato domanda riceveranno un sms che avviserà dell’esito della stessa. Ai beneficiari saranno consegnati buoni spesa cartacei dotati di timbro anticontraffazione da utilizzare solo per generi alimentari e di prima necessità negli esercizi commerciali del territorio aderenti al progetto (il cui elenco definitivo è in via di definizione e aggiornamento):

 

Azienda agricola Leoni – via Fornacelle 7

Coop – p.le Finzi

Forno Benassi Marcello – via Santa Maria e p.le Mons. Rota

Centro Carni – via Don Minzoni e p.le San Rocco

F.lli Veroni – viale Saltini

Forno di Canolo – p.le Recordati

FruttaViva – via F.lli Cervi e corso Mazzini

Forno di Marco Borciani – p.le San Rocco

La Bottega delle cose buone – via Dinazzano

Mangiasano – p.le San Rocco

Panetteria di Pio e Monica – v.le Repubblica

La Bottega di via Santa Maria – via Santa Maria

Eurospin – via Circondaria

Conad – via Don Minzoni e p.le Tondelli

Un Melo – Galleria Politeama

 

Per informazioni: tel. 0522.630711

Per assistenza telefonica nella compilazione delle domande: tel. 0522.630792 – 630801 – 630725.

GUASTALLA

A partire da VENERDI’ 11 DICEMBRE 2020 sarà possibile presentare una nuova domanda di buoni spesa per prodotti alimentari e di prima necessità.

 

CHI PUÒ RICHIEDERE I BUONI:

Tutti i cittadini italiani e cittadini extra UE (con permesso di soggiorno in corso di validità). Possono fare domanda anche coloro che ne hanno già fatto richiesta nei mesi di aprile e maggio, se ancora posseggono i requisiti richiesti.

CHI NON PUÒ RICHIEDERE I BUONI:

- nuclei familiari con pensionati o lavoratori la cui attività non sia stata sospesa (per cui senza conseguenze dal Covid-19);

- titolari di buoni postali, azionari o conti correnti intestati a sè o ad altri componenti del valore complessivo superiore a € 6.000,00;

- chi ha fonti di reddito alternative (es. canoni affitto, altri contributi pubblici, redditi di cittadinanza..), salvo casi eccezionali di comprovata difficoltà dichiarata e accertata dai servizi.

A CHI SPETTANO. I buoni saranno destinati prioritariamente alle persone e alle famiglie in condizioni di precarietà economica causata dall’emergenza Covid-19, in particolare: situazioni di sospensione o perdita dell’attività lavorativa, mancato inizio del lavoro o perdita di lavori precari o tirocini, comprovata incapacità all’approvvigionamento di beni alimentari e di prima necessità. Ogni nucleo familiare potrà presentare una sola richiesta.

SARANNO PRIORITARI

- famiglie mono-genitoriale o monoreddito con minori a carico

- famiglie con minori

- persone che vivono sole

- presenza in famiglia di persone fragili

DOVE UTILIZZARLI. I buoni sono utilizzabili negli esercizi commerciali convenzionati per l’acquisto di soli generi alimentari e di prima necessità. L’elenco dei negozi, sempre aggiornato, è disponibile sul sito.

QUANTO VALGONO. L’importo può variare da 150 a 400 euro, a seconda della composizione del nucleo e della situazione reddituale; l’erogazione è prevista in una unica soluzione una tantum, rivedibile in caso di perdurare della situazione di disagio economico, fino a esaurimento del fondo a disposizione.

 

NOVELLARA

Il Comune di Novellara eroga, in forma straordinaria e temporanea, buoni spesa per l’acquisto di generi alimentari da utilizzare presso vari esercizi commerciali aderenti.

 

I destinatari sono i cittadini residenti a Novellara che versano in uno stato di necessità temporanea dovuta alle misure restrittive emesse per l’emergenza epidemiologica e sono privi di mezzi economici per assicurare a sé a alla propria famiglia beni di primissima necessità.

Possono fare domanda coloro che presentano i seguenti requisiti:

1. residenza nel Comune di Novellara ;

2. per i cittadini stranieri non appartenenti all’Unione Europea, il possesso di un titolo di

soggiorno in corso di validità;

3. di trovarsi in una situazione di bisogno a causa dell’applicazione delle norme relative al

contenimento della epidemia da Covid-19, previa autocertificazione che ne attesti lo

stato;

4. non avere risorse economiche superiori a € 6.000 (verificabili con ‘estratto conto

bancario e/o postale e/o istituto di credito al 31/3/2020 di tutti i componenti il nucleo

famigliare) depositate presso istituti di credito o simili;

5. non essere percettore di altri redditi derivanti da proprietà di ulteriori unità immobiliari

oltre alla casa di abitazione, a meno che venga comprovato che non viene percepito

alcun canone di locazione;

6. in via prioritaria non sarà erogato ai beneficiari di altre forme di sostegno al reddito da

Enti pubblici (es. reddito di cittadinanza, REI, CIG e Naspi etc.) salvo casi eccezionali in

cui è possibile procedere al contributo, a seguito della certificazione dei servizi sociali

stessi.

Tags: